cont31.jpg

Un uomo dal deserto

0
0
0
s2sdefault

Seconda domenica d’Avvento

Giovanni, uomo strano, vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi, come l’antico Elia, irrompe con la sua essenzialità nel quotidiano di un popolo. Non porta beni, non lusinga. Anzi dice che il cambiamento del mondo comincia da ciascuno e che bisogna cominciare a riassettare la propria casa perché vi possa entrare Colui che deve venire.

Continua a leggere

cont30.jpg

Vegliate! (Marco, 13,33-37)

0
0
0
s2sdefault

3 dicembre 2017. Prima domenica d’Avvento - Anno B

Veglia, lottando contro il sonno, chi attende qualcuno o ha un compito. C’è un sonno che fa parte del nostro ritmo di vita, c’è anche il sonno della nostra morte, che non ci spaventa, perché, ricorda Paolo, sia che dormiamo sia che vegliamo siamo con il Signore.

Continua a leggere

cont29.jpg

Noi, Casa di Dio, come Maria

0
0
0
s2sdefault

"Ecco, sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me. Il vincitore lo farò sedere presso di me, sul mio trono, come io ho vinto e mi sono assiso presso il Padre mio sul suo trono. Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese" (Ap 3,20 s.).

Continua a leggere

Cont28.jpg

Persone attraversate da Dio

0
0
0
s2sdefault

Angelus di Papa Francesco -1° Novembre

La solennità di Tutti i Santi è la “nostra” festa: non perché noi siamo bravi, ma perché la santità di Dio ha toccato la nostra vita. I santi non sono modellini perfetti, ma persone attraversate da Dio. Possiamo paragonarli alle vetrate delle chiese, che fanno entrare la luce in diverse tonalità di colore.

Continua a leggere

Cont27.jpg

Chi manderò?

0
0
0
s2sdefault

Signore Gesù,

oggi mi hai chiamato per un momento di preghiera e mi hai fatto ammirare le meraviglie della tua provvidenza: monti, valli e colline, orizzonti immensi coperti di messi  mature pronte per la  mietitura. Ti ringrazio, Signore, per questi doni!

Continua a leggere

cont24.jpg
0
0
0
s2sdefault

Amare la vita quotidiana e abituale

Egli non ha creato solo le cose elevate, ma ha voluto che esistessero anche le cose piccole, insignificanti e sempre uguali che riempiono la nostra vita.

Noi siamo i suoi figli non solo quando andiamo in chiesa, ma anche quando siamo a tavola, al lavoro, a scuola, dietro la scrivania, in camera da letto: tutto esiste a suo onore e a lode del suo nome.

Continua a leggere

cont23.jpg
0
0
0
s2sdefault

La liturgia è “viva” in ragione della presenza viva di Colui che «morendo ha distrutto la morte e risorgendo ha ridato a noi la vita».

Senza la presenza reale del mistero di Cristo, non vi è nessuna vitalità liturgica. Come senza battito cardiaco non c’è vita umana, così senza il cuore pulsante di Cristo non esiste azione liturgica.

Continua a leggere

cont21tris.JPG
0
0
0
s2sdefault

Oggi, solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria, il Vangelo ci presenta la giovane di Nazaret che, ricevuto l’annuncio dell’Angelo, parte in fretta per stare vicino a Elisabetta, negli ultimi mesi della sua prodigiosa gravidanza.

Arrivando da lei, Maria coglie dalla sua bocca le parole che sono entrate a formare la preghiera dell’“Ave Maria”: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo» (Lc 1,42).

Continua a leggere

Missionarie di Maria - Saveriane

International Website of the Society of Mary - Xaverian Sisters in the world.
ALL RIGHTS RESERVED. COPYRIGHT © 2017

Questo sito utilizza cookies secondo la privacy, copyright & cookies policy.  Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.